Regione Piemonte: sì all’Osservatorio delle professioni sanitarie

L’Osservatorio delle professioni sanitarie si farà. È questa la decisione della Giunta regionale che il 28 gennaio, nel corso di una riunione presieduta da Sergio Chiamparino, ha accolto la proposta dell’Assessore Antonio Saitta frutto dell’azione sinergica del coordinamento regionale dei sette ordini provinciali delle professioni infermieristiche del Piemonte.

Si tratta di un nuovo organismo che riunirà i rappresentanti di tutti gli ordini professionali del settore per dialogare in modo costruttivo sulle tematiche del mondo sanitario e per rispondere al meglio alle richieste dei cittadini. Sarà una sede di confronto tecnico-consultivo a supporto delle attività di indirizzo e di programmazione della Regione.

Tra gli obiettivi che l’Osservatorio si pone ci sono le necessità formative dei professionisti operanti nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private, l’aggiornamento per il mantenimento dei requisiti professionali, la definizione dello standard di fabbisogno di profili professionali di interesse e la valorizzazione delle competenze, definendo gli standard operativi minimi e i modelli assistenziali appropriati di riferimento.

Questo nuovo organismo sarà composto da nove ordini professionali: professionisti sanitari, ostetriche, tecnici sanitari di radiologia e delle professioni tecniche, di riabilitazione e prevenzione, medici e odontoiatri, veterinari, farmacisti, biologi, psicologi, chimici e fisici; parteciperanno inoltre alcuni rappresentanti della Siups, la Scuola interuniversitaria per le professioni sanitarie, oltre a dirigenti e funzionari dell’Assessorato regionale alla Sanità.

Potrebbe interessarti...