Nuova aggressione al Berlinguer: OPI e ASO collaborano per trovare una soluzione

Si ritorna a parlare degli episodi di violenza al Piazzale Berlinguer dopo che un’altra infermiera è stata picchiata giovedì nel primo pomeriggio mentre stava cercando di parcheggiare per poi recarsi sul posto di lavoro.

Questa situazione diventata ormai insostenibile soprattutto per gli infermieri, principali vittime delle aggressioni, ha indotto l’OPI alla ricerca di una collaborazione con la Direzione dell’ASO con l’intento di trovare nella maniera più rapida e tempestiva una soluzione concreta a questo annoso problema. “È intollerabile vivere questo clima di continua insicurezza mentre si va al lavoro o a casa” ha infatti dichiarato Elisabetta Gnecchi, Presidente dell’Ordine, ai microfoni di RadioGold. Il primo passo è quello di sollecitare l’apertura di un tavolo con il Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, il quale ha già dichiarato che da ottobre partiranno i lavori per l’installazione dell’impianto di videosorveglianza e della nuova illuminazione.

In attesa delle idee risolutive alle quali si spera porterà questo dialogo fra le diverse istituzioni, l’OPI ha proposto di assistere legalmente in maniera gratuita l’infermiera aggredita.

Clicca qui se vuoi leggere l’intera intervista di RadioGold al Presidente OPI, Elisabetta Gnecchi, e al Vice Presidente, Vincenzo Costantino.

Potrebbe interessarti...